LA PATAGONIA CILENA

A sud di Puerto Montt si entra nelle terre dello Hielo Continental, una ampia area geografica dai confini non ben delineati interamente governati da una natura selvaggia ed in parte incontaminata. Numerosi trattati internazionali hanno cercato nel tempo di definire la giurisdizione di alcune di queste terre di confine, soprattutto nel tratto più interno tra Cile e Argentina. Una terra aspra per veri avventurieri come da molti è stata definita. Luoghi lontani dove i ghiacciai sono ancora oggi padroni incontestati di una delle regioni più astrali del nostro pianeta. Geograficamente a sud di Puerto Montt il paesaggio muta improvvisamente e le alte terre del sud cileno, lasciano il posto ad ampie e brulle pianure coperte in parte da fronti glaciali che si versano in laghi interni o nelle insenature più profonde di una costa tormentata da una infinità di fiordi. Avamposti di civiltà hanno portato l'uomo anche in zone inospitali come è il caso dell'estremo sud patagonico, dove oltre lo stretto di Magellano, le isole della Terra del Fuoco giungono fino a Capo Horn.

...

LE CITTA' DELLA PATAGONIA

Chaitén: Posta nella parte continentale della XI regione, è una città nuova che offre molti servizi come hotel, residence e camping. Può essere considerata una buona base di partenza per escursioni alla Isla de Chiloé. A 26 Km di distanza dalla città si incontrano le interessanti terme di Amarilli. Puerto Cárdenas: Cittadina che sorge sulle rive nord del Lago Yelcho. Il lago è noto per la sua incredibile pescosità in particolare salmoni e trote diventano motivo di una permanenza in queste zone. Percorrendo le rive del Lago Yelcho, in direzione Puerto Ramírez, si raggiungono le località di confine con l'Argentina Futaleufú e Palena. La cittadina di Futaleufú, lega la sua fama al primo colono che giunse in questa zona dando poi vita ad una attiva comunità, ancora oggi ben rappresentata. Il paesaggio di questa zona è dominato dall'imponente Vulcano Chaitén, vulcano attivo di particolare importanza che ha dato a questa zona l'appellativodi "zona de catástrofe", ad indicare la frequanza del manifestarsi delle attività vulcaniche. Caleta Tortel: Considerata "Zona Tipica", deve la sua notorietà alla speciale architettura delle sue abitazioni molto simile a quella di Chiloé. Questa cala sorge alla foce del Fiume Baker, sulle sponde dell'omonimo canale. Tra le particolarità che rendono assolutamente unica questalocalità, le passerelle in legno di cipresso che uniscono le varie abitazioni, che sostituiscono nel vero senso della parola le via di comunicazione del luogo. Puyuhuapi: Piccola cittadina in stile coloniale tedesco. Questo piccolo centro nasce nel 1935 con l'arrivo dei primi coloni tedeschi che si radicarono in un impervio luogo dove dominava la fitta vegetazione. Gli importanti sforzi dei coloni trasformarono il luogo in una importante zona agricola. Particolare degno di nota, in questa zona è ben sviluppato l'artigianato per la produzione di tappeti. I tappenti prodotti ancora con sistemi artigianali, sono di altissima qualità e noti in tutto il Cile. Nella vicinanze della cittadina sorgono le omonime terme. Puerto Cisnes: La località un tempo porto per il trasporto via acqua del legname, deve il suo sviluppo ad una italiana Eugenia Pircio-Biroli, che in questo luogo realizzo un servizio di istruzione per tutti i figli dei coloni che giungevano dall'Europa. Da Puerto Cisnes lungo la Carretera Austral, si giunge al Lago Las Torres che è riserva nazionale. Coihaique: Questa città fu fondata nel 1929 come centro di servizi per i coloni e per la Sociedad Industrial de Aysén, antica e importante società di allevamento bestiame fondata nel 1903 e che copriva una estensione di più di 800.000 ettari . Oggi il centro cittadino è un importante punto di riferimento per tutta la XI regione. Balmaceda: Fu fondata nel 1917, proprio nelle immediate vicinanze della frontiera con l'Argentina. Può contare sul più importante aeroporto della regione e dista soli 57 km da Coyhaique. Aquí el paisaje está marcado por la desolación de los grandes incendios que cambiaron la fisonomía de la zona. A estos parajes se les conoce como pampa. La Carretera Austral sale de Balmaceda y tras 57 km . aparece el desvío a Puerto Ibáñez emplazado en las orillas del Lago General Carrera, el más grande de Chile. Puerto Ibáñez: Sorge sul Lago General Carrera. Nel passato fu la cittadina più importante della zona, importanza oggi rivestita da Chile Chico. Piccolo porticciolo di scambio, ancora oggi vede partire con regolarità una imbarcazione che trasporta veicoli, animali ed ogni tipo di bene, fino a Chile Chico. Chile Chico: Oltre a rivestire un ruolo importante come punto di riferimento per le comunità locali, Chile Chico, riveste una importanza stratagica vista la sua posizione ed il suo particolare micro-clima. Questa località conta di numerose aree agricole dove prospera la coltivazione di ortaggi e piante da frutta. Da Chile Chico è possibile partire alla volta di interessanti escursioni naturalistiche per scoprire angoli suggestivi del tutto fuori dalle rotte turistiche classiche. Puerto Murta: Piccolo porticciolo sul Lago General Carrera molto prossimo alla Carretera Austral. Deve il suo sviluppo principalmente alla commercializzazione del legname in particolar modo verso la vicinissima Argentina. Cochrane: É senza dubbio l'ultima città per importanza che si trova lungo la Carretera Austral. Deve la sua origine alla Sociedad Exploradora del Baker, una società fondata appositamente per l'esplorazione e la colonizzazione di questo angolo remoto di Cile. Da Cochrane, parte verso sud l'ultimo tratto di Carretera Austral, inaugurata appena nel 1995. Punta Arenas: É la città più australe del mondo, fondata nel 1848, benchè al principio esisteva solamente il Fuerte Bulnes ed in seguito la colonia penale, la sua reale trasformazione avvenne con lo sviluppo degli allevamenti ovini. Le prime 300 pecore furono portate dalle Isole Malvinas nel 1876 e i coloni che si stabilirono in queste terre si dedicarono principalmente all'allevamento. Nel 1945 fu scoperto il primo pozzo di petrolio nella Terra del Fuoco e ciò cambiò totalmente la fisionomia della città a causa dell'incremento della popolazione con l'arrivo dell'industria petrolifera. Nel 1970 si incrementò l'industria peschiera e nel 1987 cominciò anche lo sfruttamento del carbone nei dintorni della città, trattandosi di una delle maggiori riserve di questo minerale nel mondo. Questa diversificazione dell'economia ha reso la città moderna e ricca di servizi. Nella Piazza Centrale una statua in bronzo commemora la scoperta dello Stretto di Magellano che rappresenta Fernando Magellano su un piedistallo e alcuni indigeni alla base. La tradizione vuole che per essere sicuri di ritornare in città si debba baciare il dito del piede del navigatore. Etra le chiese della città merita una menzione la Cattedrale, costruita nel 1901 dai padri salesiani. Nella parte nord della città si trova anche una Zona Franca dove è possibile acquistare diversi articoli senza pagare alcuna imposta. Nella zona sud della città, invece, si trova il Parco María Behety con varie zone pic-nic e con laghetti che in inverno si congelano e vengono usate per pattinare. Puerto del Hambre: Si trova a 53 km a sud di Punta Arenas. Fu il primo nucleo abitato dai coloni nel 1584, quando il capitano Sarmiento de Gamboa fondò la città Rey Don Felipe. Deve il suo nome al corsaro inglese Thomas Cavendish che vi arrivò nel 1587 e scoprì ce tutti i coloni erano morti di inedia. Puerto Natales: Questa città si trova a 246 Km a nord di Punta Arenas e vi si accede attraveso di essa, per terra per mare o per via aerea. Negli ultimi anni si è sviluppata la sua vocazione turistica attraverso l'apertura di vari hotel anche a 4 stelle.

...

PARCHI E RISERVE NATURALI

Alto Palena: Localizzata a circa 1350 km a sud di Santiago, forma parte della Cuenca del Palena-Queulat, un territorio impervio e parte inesplorato, solo marginalmente attraversato dalla Carretera Austral. La principale attrattiva è legata al turismo naturalistico, al trekking, rafting e alla pesca sportiva. Il Rio Palena insieme al Rio Yelcho, sono luoghi ideali per la pesca alla trota fario e al salmone Pacifico. Puerto Ramírez è il luogo dal quale è possibile partire per interessanti esperienze di pesca. In questa zona è possibile alloggiare in abitazioni tipiche delle aree rurali e godere degli incredibili scenari offerti dalla natura, seguendo uno dei tanti percorsi trekking segnati lungo i fiumi, o percorrere le calme acque dei fiumi in kayak. L'ambiente naturale di questa zona è dominato dal vulcano Chaitén che si erge tra i corsi d'acqua e i fitti boschi. Reserva Nacional Lago Rosselot: Una riserva naturalistica completamente incentrata tra gli specchi d'acqua del Lago Rosselot e Lago Risopatrón, quest'ultimo un importante luogo per gli appassionati di pesca sportiva. Parque Nacional Queulat: Una autentica zona di riserva totale, quasi del tutto impenetrabile ed inesplorata. Proprio per questo la sua flora e fauna risultano particolarmente interessanti. La zona nord della riserva offre interessanti attrattive naturalistiche, come è il caso del Salto de Agua Padre García, una cascata di circa 30 metri dalla sommità della quale si domina una incredibile vista panoramica sull'intero parco. Parco Nazionale Torres del Paine: Nelle vicinanze di Puerto Natales si trova uno dei luoghi di maggiore attrazione della zona australe cilena: le Torri del Paine. Si trovano nel Parco Nazionale omonimo e sono considerate come Riserva della Biósfera dall'Unesco. Il massiccio del Paine si formò circa 12 milioni di anni fa quando sotto alle rocce sedimentarie si introdussero fluidi magnatici che raffreddandosi si trasformarono in granito. Nel tempo l'erosione ha scavato le rocce sedimentarie lasciano in alcuni luoghi in affioramento le sottostanti rocce granitiche. Successivamente, durante l'era glaciale, i campi di ghiaccio coprirono la base del massiccio scavando ulteriormente la roccia. Al ritirarsi il ghiaccio lasciò scoperto il granito e parte delle rimanenti rocce sedimentarie presenti sovrastanti. Per arrivare a Torres del Paine occorre prendere la via che sale verso nord da Puerto Natales. Nel parco è possibile effettuare passeggiate e trekking più o meno impegnativi.

...

ATTRATTIVE NATURALI IN PATAGONIA

Lago Yelcho: Questo lago è senza alcun dubbio la meta più ambita per gli appassionati di pesca spertiva. Nelle acque di questo lago venne realizzato il record nazionale di pesca con la mosca, quando venne pescato in una competizione nazionale un salmone di be 17 kg di peso. Il luogo paesaggisticamente offre scenari rilassanti con fitta vegetazione che borda le calme acque del lago. Oltre alle attrattive per gli specialisti di pesca, questo lago offre interessanti spunti anche per gli appassionati di trekking. Partendo da Puente Ventisquero località a 14 Km dal centro abitato di Puerto Cárdenas, si possono percorrere numerosi sentieri naturalistici immersi nella fitta e lussureggiante vegetazione. Lago Espolón: A soli 4 km da Futaleufú, questolago è rinomato per le sue numerose spiagge e per i tanti camping che offrono ospitalità ai molti visitatori appassionati di trekking che giungono in questa zona del Cile. Lago General Carrera: É uno dei più grandi laghi del Cile ed il secondo più grande del SudAmercia, dopo il lago Titicaca. Questo è un lago definito “binazionale” in quanto il confine tra Cile ed Argentina attraversa le sue acque. Il maggior centro urbano della zona è Chile Chico. Tra le località che meritano una visità nella zona sicuramente vanno mensionate: Barros Jarpa, Puerto Fachinal, Mallín Grande, Puerto Guadal e Puerto Bertrand. Laguna San Rafael: La Laguna San Rafael è un sugestivo luogo di partrenza per le escursioni al ghiacciaio San Valentín, un piccolo ghiacciaio che negli ultimi anno ha subito una forte retrocessione. Nonostante tutto il luogo è affascinate e molto caratteristico. Il luogo raggiungibile attraverso una navigazione tra fitta vegetazione, isole ed imponenti fiordi, non è l'unico a meritare una visita. Poco distante marita una considerazione l'area termale di Chiconal. Puerto Tranquilo: Questo luogo non presenta strutture ricettive ne strutture ricettive turistiche, ma è da annoverare tra i posti più ambiti dagli appassionati di pesca sportiva e campeggio. Da Puerto Tranquillo parte un sentiero che porta alla Catedral de Mármol, una interessante penisola costellata di interessanti grotte facilmente visitabili. La Laguna Esmeralda: Questa laguna si trova a 6 km da Cochrane e si caratterizza per l'intenso colore azzurro che contrasta con la vegetazione semisteppica e i giunchi che crescono nei dintorni. Tra i due ponti denominati Mellizo 1 e Mellizo 2 sopra il fiume Saltos è possibile vedere graziose cascate d'acqua. XII Región: Accesso terrestre dall'Argentina A causa della particolare geografia del Cile la Carretera Austral è stata costruita solamente fino alla XI regione. Quattro sono le frontiere: Dorotea, Casas Viejas (che mette in comunicazione la città di Puerto Natales in Chile e di Río Turbio in Argentina), Monte Aymond (che unisce Punta Arenas in Chile con Río Turbio in Argentina) e San Sebastián (nella Terra del Fuoco, unisce le città di Porvenir in Chile con Río Grande e Ushuaia in Argentina). Se si opta per il trasporto terrestre si può visitare una miniera attiva di carbone vicino al paese di Río Turbio che si trova a 20 km a sud di Puerto Natales. Accesso per via Aerea Nelle città di Magallanes e Punta Arenas si trovano moderni aeroporti con voli giornalieri e connessioni verso differenti paesi del mondo. Acceso per via Marittima Da Puerto Montt nella X regione parte un trraghetto ogni 8 giorni che arriva fino a Puerto Natales. Un alternativa è invece quella di arrivare fino a Puerto Williams o Punta Arenas attraversando lo Stretto di Magellano. Infine è possibile navigare con dei transatlantici verso l'Antartide fino a Puerto Williams e Punta Arenas. Il viaggio da Puerto Montt dura 3 giorni durante i quali si naviga attraverso canali e isole, un eccellente opportunità per attraversare i canali del sud dove la natura si manifesta liberamente grazie alla poca presenza dell'uomo. Fuerte Bulnes: A pochi km da Puerto del Hambre si trova questo forte, costruito nel 1843 su un colle roccioso che domina gran parte dello Stretto di Magellano. Oggi esiste una ricostruzione fedele del forte originale. Isla Magdalena: Vi si trova un'importante colonia di pinguini magellanici e per questo è stata dichiarata Monumento Nazionale. Punta Dúngenes: Si trova a 272 km a nordest di Punta Arenas. È un vecchio faro molto conosciuto da tutti i marinai che hanno attraversato i 583 Km dello Stretto di Magellano in quanto ne contrassegna l'entrata orientale. Porvenir: Di fronte a Punta Arenas, per mare, si accede alla principale località della Isola Terra del Fuoco. La sua origine risale alla ricerca dell'oro nella Sierra Boquerón. A questa attività presero parte principalmente coloni iugoslavi i cui discendenti fanno ora parte dell'attuale popolazione del paese. Nel Municipio di Porvenir si trova una collezione archeologica e di storia naturale ed è possibile ammirare le testimonianze della prima attività cinematografica cilena che fu sviluppata in questo luogo nel 1910. La Valle dei Castori: In questa valle piena di grandi boschi abbondano le dighe che costruisce il castoro, piccolo animale introdotto in Cile dal Canada che si è adattato con grande facilità. Cueva del Milodón: Monumento Nazionale composto da tre caverne e un piccolo colle roccioso denominato Silla del Diablo. In una di queste grotte nel 1896 furono trovati i resti del Milodón (Mylodon darwini), animale di grandi dimensioni che si estinse probabilmente alla fine del pleistocene. La grotta più grande è alta 30 metri, larga 80 e profonda 200.